Poste Italiane tra alti e bassi

Come è noto, Poste Italiane ad ottobre 2015 è sbarcata in borsa con un prezzo di €6,75 ad azione mentre ora lo stesso è leggermente inferiore attestandosi a quota €6,62.

Questo dato va però analizzato tenendo conto dei dividendi pagati nel 2016 e nel 2017 oltre al premio dato agli azionisti grazie al quale ogni 20 azioni possedute ne è stata data una in regalo. Il rendimento del titolo considerando tutti questi dati si aggira quindi intorno al 15%.

I ricavi del 2017 derivanti dall’attività postale tradizionale sono in calo del 2.5% mentre sono aumentati quelli riferiti ai servizi finanziari (assicurativo, risparmio gestito ecc.) registrando un +2%. Ciò che ne risulta è un utile per l’anno 2017 in diminuzione del 10%.

Poste Italiane nonostante le performance decisamente in calo può comunque vantare un dividend yield pari al 5,83% lordo ai prezzi attuali di mercato ed un rapporto prezzo/utile di 11.5% decisamente inferiore rispetto alla media dei competitors che risulta pari al 16%.

Da sottolineare però come circa il 65% degli attivi di Poste (200 miliardi di euro il totale) derivi da Titoli di Stato italiani dimostrando così una forte esposizione sotto questo punto di vista.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.