INFLAZIONE: QUANDO OGNI ANNO SEI SEMPRE PIU’ POVERO (SE NON INVESTI)

Vado al bar a prendermi un caffè, incontro il “Sig. Rossi”, cliente della Banca Pinco Pallo e vecchio amico di mio padre…

  • Buongiorno Sig. Rossi, allora come sono andati i suoi investimenti quest’anno?
  • Bene bene, pensi Dott. Casarella che ho guadagnato lo 0,5%…..
  • Ah….peccato!
  • ???!!Come peccato? Ma se ho guadagnato???!!
  • Si Sig. Rossi, in termini nominali, ma in termini REALI, lei ha perso 1,5%….
  • Scusi Dott. Casarella non capisco…..
  • Glielo spiego subito: ogni anno esiste un fenomeno economico chiamato INFLAZIONE, che tradotto in modo semplice significa un aumento dei prezzi, e quest’anno l’inflazione è stata pari a circa il 2%, un valore storicamente “nella media” degli altri periodi. Questo vuol dire che il valore ed il costo dei principali beni e servizi è salito appunto del 2%, perciò quando lei mi dice che il suo capitale quest’anno è passato da 10.000 a 10.050 Euro, io le rispondo che se prima comprava beni e servizi per 10.000 Euro, adesso LA STESSA QUANTITA’ le costerà 10.200 Euro. Quindi il suo 0,5% non è sufficiente a coprire questo costo…..e lei in termini REALI ha PERSO VALORE.

Ora, puoi ben immaginare la faccia di questi potenziali clienti, in casi che affronto realmente (lavorativamente parlando) quasi ogni giorno, e capire quanto sia importante capire bene la differenza tra rendimenti nominali e reali.

Vedi, ti dico questo perché a differenza di quanto si crede, investire bene, ed avere delle soddisfazioni (che tradotto significa una crescita del capitale, sia pur con alti e bassi, costante nel tempo) è questione di avere dei concetti molto chiari e relativamente semplici, stampati nella propria testa a caratteri cubitali, e l’inflazione è una di questi.

Ora veniamo alle cose PRATICHE, perché ormai se hai letto qualche altro mio post, sai benissimo che prima ti dico una cosa, ma QUI, e SOLO QUI, poi te la traduco anche in qualcosa di pratico, che puoi usare nel mondo reale (non in quello dei fanta-rendimenti o delle teorie assurde che si leggono in giro).

In questo caso specifico la risposta che dò alla tua domanda (bene, ma quindi?) è legata ad un’asset class molto particolare, le obbligazioni indicizzate all’inflazione!

Se non sai cos’è un’obbligazione, a questo link trovi la definizioni e su Wikipedia (e comunque te lo dico io in velocità, è un DEBITO EMESSO da una determinata azienda o Governo). Quando acquisti un’obbligazione, acquisti un debito di qualcuno, perciò TU DIVENTI CREDITORE.

Chiarito questo punto, andiamo avanti…

Solitamente, la caratteristica di questa particolare asset class è quella di “proteggere” il tuo potere di acquisto (vedi sopra) e quindi consentirti di ottenere un rendimento positivo in termini non solo nominali, ma anche reali.

Come funziona?

Caso pratico: Investi 10.000 Euro in un Titolo di Stato Americano, durata 10 anni (lasciamo da parte per un momento il rischio legato al tasso di cambio, adesso vogliamo capire il meccanismo dell’inflazione), che paga una cedola del 3% annuale (tecnicamente i Titoli USA legati all’inflazione si chiamano “TIPS”).

Ora, aggiungiamo il fattore inflazione (perché nella vita reale ESISTE)….ipotizzando sia del 2%.

Cosa vuol dire? Che il tuo capitale ogni anno (10.000 Euro) si RIVALUTERA’ AD UN TASSO MEDIO ANNUO DEL 2%, per 10 anni. Quindi alla scadenza, non avrai più 10.000 Euro, ma circa 12.200 Euro!

MA NON E’ FINITA QUI, perché anche la cedola (seppure fissa al 3% annuale), verrà ogni anno calcolata su un capitale via via maggiore, proprio grazie all’inflazione.

Mettendoci i numeri ad esempio, il primo anno prenderai 300 Euro di interessi (lasciamo da parte in questo caso il fattore tasse per semplificare l’esempio), in quanto è il 3% di 10.000 Euro. All’ultimo anno però, tu prenderai di interessi il 3% su 12.200 Euro (quindi 366 Euro). Capisci ora il POTERE in termini REALI dell’investimento?

Bene, ora che abbiamo inserito nel tuo portafoglio un nuovo concetto, ecco un elenco di alcune Asset Class che lavorano in questa logica:

  1. TIPS americani
  2. BTP Italia
  3. BTP I (legato all’inflazione Europea)
  4. BundEI (tedeschi)
  5. Gilt Indicizzati (Gran Bretagna)

Punti di attenzione:

  • Tassazione dei rendimenti (26% standard e 12,5% per i Titoli di Stato ed Enti Sovranazionali, tipo BEI/BIRS)
  • Rischio di cambio (se compri ad esempio TIPS sarai esposto al cambio Euro/Dollaro)
  • Diversificazione di portafoglio (la percentuale da destinare a ciascuna Asset Class)

Questo per le “obbligazioni” tradizionali.

Esistono poi altri strumenti in ottica di diversificazione come ad esempio:

  1. Fondi obbligazionari legati a titoli indicizzati all’inflazione (Inflation Linked)
  2. ETF obbligazionari con titoli indicizzati all’inflazione

Come sempre bisogna monitorare la qualità dei titoli all’interno di questi prodotti e, cosa sempre più importante…i costi!

Vuoi sapere quanto impattano i costi nei tuoi investimenti? Ecco un grafico tratto da “Il Piccolo libro dell’investimento” di (J.C.Bogle – Fondatore di Vanguard).

Un investimento di 10.000 Dollari in 50 anni. Rendimento nominale annuo del mercato, 7% e…”costo nominale annuo (come sono fantasioso) 2%”.

La differenza al termine del periodo si commenta da sola, ma il punto di attenzione che voglio passarti (e che deve rimanerti ben fisso in testa) è che ANCHE I COSTI SONO COMPOSTI!!!

Quindi se sfrutti l’interesse composto (ti ho messo un link se non sai cosa sia, STUDIALO), per i tuoi guadagni, purtroppo lo pagherai al rovescio nei costi, quindi PIU’ BASSI SONO MEGLIO SARA’ PER TE!

Nel grafico sotto, il primo anno la differenza è del 2% (pari al costo dell’investimento), ma già nei primi 10 anni “lasci sul tavolo il 17,2%”, mi raccomando.

IMG_0642.jpg

Come indicatore principale dell’inflazione si utilizzano le rilevazioni del CPI (Consumer Price Index) anche se in base alla tipologia di investimento esistono anche altri riferimenti

Sul sito EUROTLX ad esempio puoi iniziare a guardare qualcosa (seleziona per esempio “Titoli di Stato” – Italia – BTP Indicizzati) per farti un’idea.

E come sempre, per dubbi o domande, SCRIVIMI!

Alla prossima!

Francesco

Un pensiero su “INFLAZIONE: QUANDO OGNI ANNO SEI SEMPRE PIU’ POVERO (SE NON INVESTI)

  1. Pingback: ESG, SRI, INVESTI COME MANGI? | Colazione a Wall Street

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.