I 5 PUNTI PER CAPIRE UNA CRISI FINANZIARIA: CONOSCERLI PER DIFENDERE I PROPRI INVESTIMENTI

Lo sai benissimo che in questo sito non diciamo balle, non raccontiamo storie, ma parliamo solo di cose pratiche, quindi se hai letto il titolo voglio dirti subito una cosa, NON SIAMO IN GRADO DI PREVEDERE QUANDO SCOPPIERA’ ESATTAMENTE LA PROSSIMA CRISI!

Lo ripeto, NON SIAMO IN GRADO DI PREVEDERE QUANDO SCOPPIERA’ ESATTAMENTE LA PROSSIMA CRISI!.

Bene, ora che abbiamo messo le cose in chiaro, aggiungiamo un secondo punto fondamentale: NON LO PUO’ SAPERE NESSUNO, e chi lo dice, o finge di saperlo, MENTE!

Ora che abbiamo smarcato questi due aspetti, questi due punti quindi cosa facciamo, chiudiamo il computer e ce ne andiamo a dormire? Non esattamente, perchè se è vero che nessuno può stabilire con esattezza quando si verificherà la prossima crisi, questo tuttavia non toglie la possibilità di analizzare e studiare la storia, cioè le crisi passate, per imparare dagli eventi precedenti quali sono i comuni denominatori (ammesso che ce ne siano) che hanno portato ai crolli finanziari più importanti della storia.

Questo per consentirci non di prevedere la crisi, ma almeno di prepararci a “percepire” che forse qualcosa intorno a noi (dal punto di vista finanziario) comincia a non tornare, e quindi consentirci di avere il tempo di riposizionare il nostro portafoglio e quindi cercare per quanto possibile di limitare i danni, se non addirittura cogliere proprio le opportunità derivanti dal ribasso dei mercati.

Molto bene, pratica pratica pratica, andiamo al sodo, abbiamo identificato, esaminando 2 tra le principali crisi della storia (1929 e 2008) 5 punti da tenere bene a mente per “drizzare le antenne” se le cose dovessero mettersi male, vediamo quali sono…

CREDITO FACILE

EUFORIA GENERALE (EFFETTO GREGGE)

LEVA FINANZIARIA (ASSOCIATA ALL’AVIDITA’)

AUMENTO RAPIDO E PIU’ AMPIO DEL SOLITO NEI PREZZI

AZZARDO MORALE

Vediamole una alla volta, confrontando le due crisi tra loro (non abbiamo per motivi di tempo la possibilità di raccontare qui entrambe le crisi, tuttavia puoi trovare a questi link sia per il 1929 che per il 2008 la storia di entrambe così da leggere “tra le righe” quello che stiamo per dirti).

CREDITO FACILE

Parliamo di credito quando facciamo riferimento a due componenti:

  1. volume dei prestiti concessi molto alto, che poi crolla
  2. tassi di interesse storicamente bassi, che poi salgono

In entrambi le crisi (1929 e 2008) si arrivava da una situazione vista sopra (Tassi inizialmente bassi, per agevolare i debitori, e volumi elevati, in quanto un maggiore accesso al credito faceva sì che chiunque potesse indebitarsi). Pensiamo ad esempio allo scoppio della crisi 2008, relativo alla bolla immobiliare, dove chiunque poteva prendere a prestito denaro arrivando ad LTV (importo del mutuo rispetto al valore della casa) anche del 100% (se non oltre).

united-states-interest-rate.png

FED FUNDS RATE

Di conseguenza io potevo entrare in possesso di un immobile senza avere soldi! Il problema però non stava nel fatto che ad esempio compravo una casa per affittarla, e quindi la rata del mio mutuo era ampiamente compensata dal canone di affitto. No, compravo per rivendere, per fare capital gain, questo finchè i prezzi degli immobili continuavano a crescere. Ciò mi permetteva di effettuare altre operazioni (perchè aumentando il valore del bene immobile a garanzia del mutuo potevo chiedere altri soldi e fare altre operazioni, oppure spenderli in auto ed oggetti di lusso, cosa che gli americano spesso facevano).

Questo era quindi collegato direttamente con il secondo dei 5 aspetti…

AUMENTO RAPIDO E PIU’ AMPIO DEL SOLITO NEI PREZZI

Nel 1929 le azioni, nel 2008 gli immobili. Entrambi questi asset, guardandosi indietro, rappresentavano ESATTAMENTE questo trend (vogliamo fare mente locale pensando anche al Bitcoin di qualche tempo fa? Ed al crollo che ne è seguito?)

2018-05-29_6-04-48.jpg

ANDAMENTO QUOTAZIONI IMMOBILIARI

Stesso discorso per i prezzi delle azioni nello scoppio della crisi del 1929…

dow-jones-1929

ANDAMENTO DOW JONES

 

Vedete come a mano a mano che analizziamo questi aspetti, tutto torna, tutto si connette in un disegno quasi “diabolico”.

 

EUFORIA GENERALE (EFFETTO GREGGE)

Eh già perchè il motivo per cui i prezzi salgono è esattamente perchè (legge della domanda e dell’offerta) i compratori sono decisamente maggiori dei venditori. E perchè in entrambe le crisi la domanda era maggiore dell’offerta? Da un lato per il primo punto che abbiamo visto (condizioni per prendere soldi a prestito favorevoli) ma dall’altro per l’euforia della gente, perchè “lo fanno tutti”, perchè “ma come non lo sai? L’altro giorno ho comprato questo investimento a 10 ed oggi vale già 15”. E’ un trend comportamentale, e quando ne iniziano a parlare tutti, quando anche “il macellaio” parla di investimenti (con tutto il rispetto per i macellai) allora è il momento di preoccuparsi. Le Bolle speculative sono SUCCESSIVE ai comportamenti derivanti dal'”effetto gregge” che si denota da 2 caratteristiche fondamentali:

  • La “massa” (che si butta letteralmente su un dato investimento) NON HA IDEA DI COSA STA FACENDO, ma lo fa perchè lo fanno gli altri
  • Le azioni compiute dalle persone portano AGLI STESSI RISULTATI (comprare case/azioni) senza una connessione/conoscenza tra gli individui che lo fanno (lo fanno gli altri, ma “gli altri” non li conosco)

LEVA FINANZIARIA

Perchè guadagnare 10 se puoi guadagnare 20? Questa penso sia l’emblema del pensiero di chi al crescere di una bolla speculativa non si accontenta, vuole sempre di più, e quindi sperimenta sempre modi ingegnosi per avere di più.

Due esempi su tutti.

Prima dello scoppio della bolla nel 1929, la gente come faceva a “scommettere” sul rialzo delle azioni? Prima risposta (la più sensata) le compra con I PROPRI SOLDI e poi le rivende guadagnando dalla differenza di prezzo. Già, peccato che la gente non ragionava così, perchè la domanda era: ma se io ho solo 100 Dollari, in questo mercato potrei guadagnare “solo” 10 Dollari, come posso fare ad avere una somma più grossa e quindi un guadagno più elevato? Nel 1929 l’operazione si chiamava “riporto di Borsa”. Ovvero le persone si facevano prestare soldi dagli agenti di cambio (che a loro volta li prendevano dalle Banche che a loro volta li prendevano dalla Banca Centrale) mettendo a garanzia i titoli acquistati con quel denaro. Il prestito (su cui veniva applicato un tasso di interesse) doveva essere restituito ad una data scadenza, quindi il debitore (chiamarli investitori è una bestemmia a chi investe davvero) restituiva a scadenza il prestito e guadagnava la differenza di prezzo tra acquisto e vendita dei titoli. Questo finchè il mercato continuava a salire… Se chiedevano il 100% del valore era una leva praticamente infinita, a volte però dovevano mettere a garanzia una parte di cash come collaterale, ma questo evidentemente non è bastato.

Nel caso della crisi 2008 invece, esemplare è stato, a partire dal 2004, il livello di indebitamento delle Banche, con il rapporto di indebitamento che passò in poco tempo da 1:10 ad 1:33. Ciò vuol dire che ho 1 Euro di capitale e 33 Euro di Investimenti (a debito). Cosa succede se su quei 33 Euro di “investimenti” perdo il 3%? Semplice, la mia perdita è di circa 1 e quindi mi azzera il mio capitale di 1!

AZZARDO MORALE

Quanto ci si sentirebbe più tranquilli nel fare un danno a qualcuno senza doverne pagare le conseguenze? Questo è ciò che è successo ad esempio nella crisi del 2008, quando la “catena della cartolarizzazione” ha fatto si che tutti i diversi attori potessero aumentare i profitti scaricando i rischi su qualcun altro. Eh già, perchè il creditore (che concedeva i mutui agli individui) girava poi il suo credito alle Banche, che impacchettavano quel mutuo insieme ad altri prestiti (auto/carte di credito/prestito studentesco) e creavano i CDO che vendevano poi ai loro azionisti/clienti. Le agenzie di rating emettevano poi un giudizio (pagate dalle Banche ) su questi CDO senza doverne rispondere in caso di valutazione errata.

Il mutuatario era un soggetto rischioso? Pazienza, per le Banche, creditori e Agenzie di Rating il problema non si poneva, bastava massimizzare i profitti.

Vi presento l’azzardo morale!

Quindi mi raccomando, adesso avete qualche informazione in più per non farvi trovare impreparati e vi prego, se domani quando comprate la carne dal macellaio di fiducia vi parla di investimenti, allora vendete tutto!

A presto

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.