INVESTIMENTI: COME PASSARE DALLA TEORIA ALLA PRATICA?

Ok Francesco, tutto molto interessante, ma come faccio a passare dalla teoria alla pratica nel mio processo di investimento?

Perché vedete, la differenza di approccio sta tutto qui! Ho già anticipato, che a partire dal prossimo anno offriremo un servizio dedicato, in abbonamento, dove potrete vedere i MIEI soldi (partiremo con un capitale di 50.000 Euro) investiti in determinati portafogli e strumenti finanziari, abbinato ad una più ampia, completa e pratica sezione dedicata alla formazione ed a contenuti funzionali ai vostri investimenti.

Ma come sempre torniamo a noi e cominciamo a vedere IN PRATICA, cosa fare per partire…

Preferisco essere sintetico, ordinato e semplice, quindi ecco l’elenco delle cose da fare:

  1. Formarvi (sembra scontato ma meglio ripeterlo 1000 volte)
  2. Aprire un conto corrente presso una banca o altro intermediario/broker
  3. Compilare il questionario Mifid (quel questionario che vi identifica il vostro profilo di rischio, in modo tale che se conoscete a malapena i titoli di stato, e venite sedotti da un truffatore ad investire in derivati, il sistema vi blocchi preservando il vostro capitale e bloccando la vostra avidità)
  4. Aprire il deposito titoli (qualora operiate tramite istituto bancario)
  5. Effettuare un bonifico sul vostro nuovo conto corrente
  6. Investire

Detta così a livello di passaggio non sembra essere poi così complicato, salvo alcuni piccoli (ma fondamentali) accorgimenti su alcuni dei punti visti sopra…

  • Formarvi: scegliete bene le fonti da cui trarre la vostra formazione (noi ci riteniamo affidabili ma ovviamente dipende dal vostro giudizio, ed essendo autoreferenziale non mi piace quindi mi fermo qui)
  • Conti correnti: verificate attentamente i costi di gestione del conto corrente (canone mensile, costo delle operazioni di bonifico, se dovete spostare i soldi da un conto all’altro, costi dell’home banking), potete usare siti come confrontaconti.it nella sezione dedicata di Mutuionline
  • Questionario Mifid: rispondete alle domande in modo onesto: se vi chiedono “conoscenza di obbligazioni strutturate” e ne avete solo sentito parlare (oppure andate su Google a cercare cosa sono così poi potete rispondere di “si”, perdonatemi, ma siete dei beoti!, ed i Beoti in Borsa perdono soldi, sapevatelo)
  • Deposito titoli: anche qui attenzione ai costi (spese di custodia fisse, in alcune soluzioni sono gratuite, costi di compravendita degli investimenti che volete fare, fondi/etf/azioni ecc…, disponibilità di mercati su cui poter acquistare i vostri investimenti, soprattutto se dovete comprare strumenti finanziari esteri)
  • Investire: non partite mai dal prodotto singolo, ma effettuate tutte le analisi che abbiamo spiegato nei 150 articoli precedenti
  • Non siate avidi, studiate i rendimenti storici delle diverse asset class, così quando vi proporranno il 50% in un anno sui Titoli di Stato americani, ma storicamente i Titoli di Stato americani performano al 4/5% annuo, saprete di essere davanti ad una truffa

Se non trovate la parte relativa ai costi del deposito titoli e dell’operatività lato investimenti, andate sul sito internet delle varie aziende, nella sezione “fogli informativi”, dove potrete avere le diverse informazioni mancanti.

Per quanto riguarda i broker, vi segnalo un sito molto utile della Consob in cui trovate i broker autorizzati e quelli bannati, in modo da non incappare in situazioni “anomale” e spiacevoli, in modo da preservare la prima regola di quando investite: non buttare soldi nel dalla finestra.

Penso che oggi possa già bastare quanto detto sopra, anche perché tra confronto dei conti correnti, delle condizioni di deposito titoli, e di tutto il corollario avrete un bel lavoro da fare. Come sempre se avete dubbi o domande scrivetemi,

alla prossima!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.