ANALISI FONDAMENTALE VS ANALISI TECNICA: CHI HA RAGIONE?

Spesso sento fare a bastonate i principali “esperti” (tanti, troppi) che pretendono di avere la verità in tasca a proposito del fatto che “l’analisi fondamentale è più performante dell’analisi tecnica” e viceversa.

Il mio punto di vista su questo in verità è il seguente:

ANALISI FONDAMENTALE E TECNICA SERVONO ENTRAMBE, E DEVONO VIAGGIARE INTEGRATE

Adesso vi spiego perché…

Facciamo però un passo indietro brevissimo per spiegare in modo pratico e sintetico cosa sono queste due analisi:

  • ANALISI FONDAMENTALE: l’analisi che studia i bilanci di una società, il settore in cui opera ed il mercato
  • ANALISI TECNICA: studia i grafici dei prezzi

Le principali critiche mosse da una fazione verso l’altra sono le seguenti…

L’analista fondamentale dice al tecnico: puoi studiare tutti i grafici che vuoi, ma se non sai che una società fa schifo o che è ottima sarai in balia perenne dell’incertezza

L’analista tecnico al fondamentale: un’azienda può essere buona quanto vuoi (o schifosa quanto vuoi), ma se in quel momento il mercato (tramite i grafici) esprime un determinato trend, dei tuoi bei bilancini non ci fai proprio nulla

Dunque esaminando queste obiezioni non possiamo certamente dare torto a nessuno, e nemmeno ragione ad entrambi.

Quindi torniamo all’assunto fondamentale, ovvero che servono entrambe le analisi.

Come possiamo integrarle allora all’interno di una strategia di investimento?

Anche qui, sintetizzando il più possibile (per tutti i dettagli ed approfondimenti rimandiamo al prossimo anno dove gli iscritti alla nostra area riservata vedranno tutto approfonditamente e nella pratica) l’utilizzo corretto di entrambe dovrebbe essere il seguente:

L’ANALISI FONDAMENTALE MI SERVE COME FILTRO, OVVERO MI SERVE PER SELEZIONARE UN DETERMINATO NUMERO DI AZIENDE DI QUALITA’ SU CUI INVESTIRE. L’ANALISI TECNICA MI SERVE, SULLE SOCIETA’ SELEZIONATE GRAZIE ALL’ANALISI FONDAMENTALE, PER CERCARE UN BUON PUNTO DI INGRESSO SFRUTTANDO I GRAFICI DEI PREZZI

Fine.

Attenzione però ad una precisazione: ho più volte detto che non credo nel market timing, ovvero nel sapere esattamente il momento migliore per portare a casa un’operazione in guadagno. Ma nel caso sopra menzionato, con l’integrazione di entrambe le analisi (fatte correttamente sia chiaro), diciamo che sarò sicuro al 99% (la certezza non esiste) che il punto di ingresso sarà buono per il semplice fatto che la società da qui ai prossimi anni (non faccio analisi tecnica per operare intraday per capirci) presenta indubbie caratteristiche di crescita.

Detto ciò, vi faccio vedere un esempio tratto dalla mia operatività pratica, di cui ho ampiamente parlato in precedenza.

Ho comprato in data 24 aprile il titolo Electronic Arts a 94.87 dollari, con un prezzo obiettivo superiore ai 100 Dollari (se vi ricordate nel file Excel per la valutazione di un titolo azionario il “prezzo” equo dall’analisi diceva 118 addirittura).

ea2.png

Ho venduto in data 2 luglio ad un prezzo superiore di 103,05 dollari con un rendimento quasi del 9% in poco più di 2 mesi (vedi sotto) che però si riduce ad un 6% pieno per l’effetto cambio (36% annualizzato).

ea.png

Il punto è che dall’analisi fondamentale quindi il titolo presentava (e presenta) bilanci buoni, ma l’analisi tecnica mi ha permesso di entrare (e soprattutto di uscire, come vediamo di seguito) ad un prezzo che per me avesse un senso logico.

Infatti ripropongo di seguito il grafico dal momento dell’operazione ad oggi…

Parte dal giorno dell’acquisto, mentre la freccia blu è il punto in cui ho venduto.

grafico.png

Questo perciò mi ha permesso di vendere ad un livello che non si è ripresentato per i successivi 5 mesi (recentemente è tornato sui livelli della mia vendita), anticipando notevolmente il guadagno e soprattutto rendendolo più corposo su base annua (anche se il cambio ad oggi sarebbe migliorativo).

Perciò questo è uno dei vari esempi in cui analisi fondamentale (PRIMA) e tecnica (POI) lavorando insieme possono portare a buone operazioni.

Il prossimo anno all’interno dell’area abbonati vedremo molte di queste operazioni, al momento mi interessa che abbiate capito il giusto approccio ad entrambe le tecniche.

Vi auguro una buona domenica (adesso vado a festeggiare)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.