Come valutare un titolo azionario senza farsi ingannare dal rapporto P/E

Quando parliamo di analisi a livello di titoli azionari, di settori o più in generale di interi mercati, una delle logiche più utilizzate è quella dei multipli, cioè dei veri e propri numeri (solitamente calcolati come rapporto tra due grandezze) che ci indicano sostanzialmente “quante volte” si verificano determinate cose.

Tra questi multipli, il più nominato, e purtroppo (poi vedremo perché) utilizzato è il rapporto prezzo/utili.

La formula è semplice: P/E= prezzo (dell’azione)/ utile netto

Possiamo calcolarlo in 2 modi:

  1. (Prezzo azione * numero azioni)/utile netto ==> qui ci riferiamo come numeratore alla capitalizzazione di mercato
  2. Prezzo azione/EPS (Earning per Share, qui a denominatore prendiamo l’utile della singola azione)

Il significato ci dice “quante volte l’utile della società è compreso nel prezzo attuale”. Se ad esempio il P/e = 10, significa che il prezzo attuale “incorpora” l’utile netto di 10 volte (tipicamente un valore medio è intorno a 14).

Solitamente un valore elevato indica titoli “sopravvalutati”, e viceversa. (In caso di perdite ovviamente il rapporto P/E non ha senso).

Ma torniamo al quesito di base, ovvero cercare di capire “perché” questo multiplo, usato e menzionato spesso in centinaia se non migliaia di analisi, è in realtà fuorviante.

Cominciamo con il dire (e forse già questo basterebbe) che si tratta di un indicatore “statico”, cioè un numero che si riferisce esclusivamente alla situazione attuale, senza fornirci un minimo di visione prospettica (in quanto potrebbe cambiare nei prossimi 2 minuti, esattamente come il prezzo del titolo quotato).

In secondo luogo, questo indicatore si presta molto spesso ad essere “preda” di manipolazioni di mercato,  quando ad esempio si utilizza l’utile operativo (o reddito operativo) invece dell’utile netto (così il denominatore cresce, il multiplo diminuisce ed il titolo sembra più a buon mercato).

A questo punto gli altri blog si fermerebbero qui, ma noi lo sapete siamo sempre pratici e concreti!

QUINDI ADESSO CHE ABBIAMO CAPITO CHE IL P/E NON VA BENE CHE FACCIAMO? COMPRIAMO A CASO?

Assolutamente no! In particolare noi facciamo diverse analisi innanzitutto della situazione Macroeconomica, della fase del ciclo in cui ci troviamo, dei mercati a livello geografico e settoriale, dei trend (tutto questo verrà mostrato ai nostri abbonati a partire da maggio) e solo alla fine arriviamo ad una “lista” di una ventina di titoli che andremo ad analizzare in dettaglio con i bilanci (approccio definito ”top down”).

Perciò immaginiamo di aver ristretto la nostra analisi fondamentale a 15 titoli, tra le primissime cose (e ve lo lasciamo come spunto PRATICO) andremo ad approfondire i seguenti micro aspetti della società:

  • Verifica di redditività (ROI/ROE elevato?)
  • Indebitamento contenuto? (adeguata copertura Oneri fin. Con EBIT)
  • Generazione Cashflow elevata? (per stabilità in fasi di incertezza)
  • Multipli di mercato inferiori a media di settore? (almeno 5 multipli in più)
  • Bassa variabilità negli Utili netti storici e con tendenza crescente

Queste sono solo “alcune” delle analisi certosine che andiamo a fare per i singoli titoli, a cui poi abbiniamo una mole di dati decisamente superiori e che andiamo ad integrare con l’analisi tecnica.

Si richiede tempo, e si…è faticoso ma…questo ripaga decisamente di più che comprare ad cazzum!

E si…gli abbonati avranno il file Excel già bello che pronto (dovrete “solo” , si fa per dire) inserire i dati delle aziende che vorrete analizzare…e si…vi diremo anche dove trovarli!

Voi come le valutate le aziende? Comprate solo in presenza di un P/E basso? Speriamo di avervi acceso qualche lampadina e diteci nei commenti come operate.

A presto

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.