INVESTIMENTI: COME PASSARE DALLA TEORIA ALLA PRATICA?

Ok Francesco, tutto molto interessante, ma come faccio a passare dalla teoria alla pratica nel mio processo di investimento?

Perché vedete, la differenza di approccio sta tutto qui! Ho già anticipato, che a partire dal prossimo anno offriremo un servizio dedicato, in abbonamento, dove potrete vedere i MIEI soldi (partiremo con un capitale di 50.000 Euro) investiti in determinati portafogli e strumenti finanziari, abbinato ad una più ampia, completa e pratica sezione dedicata alla formazione ed a contenuti funzionali ai vostri investimenti.

Ma come sempre torniamo a noi e cominciamo a vedere IN PRATICA, cosa fare per partire…

Preferisco essere sintetico, ordinato e semplice, quindi ecco l’elenco delle cose da fare:

  1. Formarvi (sembra scontato ma meglio ripeterlo 1000 volte)
  2. Aprire un conto corrente presso una banca o altro intermediario/broker
  3. Compilare il questionario Mifid (quel questionario che vi identifica il vostro profilo di rischio, in modo tale che se conoscete a malapena i titoli di stato, e venite sedotti da un truffatore ad investire in derivati, il sistema vi blocchi preservando il vostro capitale e bloccando la vostra avidità)
  4. Aprire il deposito titoli (qualora operiate tramite istituto bancario)
  5. Effettuare un bonifico sul vostro nuovo conto corrente
  6. Investire

Detta così a livello di passaggio non sembra essere poi così complicato, salvo alcuni piccoli (ma fondamentali) accorgimenti su alcuni dei punti visti sopra…

  • Formarvi: scegliete bene le fonti da cui trarre la vostra formazione (noi ci riteniamo affidabili ma ovviamente dipende dal vostro giudizio, ed essendo autoreferenziale non mi piace quindi mi fermo qui)
  • Conti correnti: verificate attentamente i costi di gestione del conto corrente (canone mensile, costo delle operazioni di bonifico, se dovete spostare i soldi da un conto all’altro, costi dell’home banking), potete usare siti come confrontaconti.it nella sezione dedicata di Mutuionline
  • Questionario Mifid: rispondete alle domande in modo onesto: se vi chiedono “conoscenza di obbligazioni strutturate” e ne avete solo sentito parlare (oppure andate su Google a cercare cosa sono così poi potete rispondere di “si”, perdonatemi, ma siete dei beoti!, ed i Beoti in Borsa perdono soldi, sapevatelo)
  • Deposito titoli: anche qui attenzione ai costi (spese di custodia fisse, in alcune soluzioni sono gratuite, costi di compravendita degli investimenti che volete fare, fondi/etf/azioni ecc…, disponibilità di mercati su cui poter acquistare i vostri investimenti, soprattutto se dovete comprare strumenti finanziari esteri)
  • Investire: non partite mai dal prodotto singolo, ma effettuate tutte le analisi che abbiamo spiegato nei 150 articoli precedenti
  • Non siate avidi, studiate i rendimenti storici delle diverse asset class, così quando vi proporranno il 50% in un anno sui Titoli di Stato americani, ma storicamente i Titoli di Stato americani performano al 4/5% annuo, saprete di essere davanti ad una truffa

Se non trovate la parte relativa ai costi del deposito titoli e dell’operatività lato investimenti, andate sul sito internet delle varie aziende, nella sezione “fogli informativi”, dove potrete avere le diverse informazioni mancanti.

Per quanto riguarda i broker, vi segnalo un sito molto utile della Consob in cui trovate i broker autorizzati e quelli bannati, in modo da non incappare in situazioni “anomale” e spiacevoli, in modo da preservare la prima regola di quando investite: non buttare soldi nel dalla finestra.

Penso che oggi possa già bastare quanto detto sopra, anche perché tra confronto dei conti correnti, delle condizioni di deposito titoli, e di tutto il corollario avrete un bel lavoro da fare. Come sempre se avete dubbi o domande scrivetemi,

alla prossima!

CHE RENDIMENTO VUOI DAI TUOI INVESTIMENTI?

L’altro giorno ho scritto un breve riassunto di tutte le anomalie finanziarie (di cui la maggior parte psicologiche) che contraddistinguono l’italiano medio emerse dal Rapporto Consob 2019 (trovate l’articolo QUI).

Torno oggi sul tema (in quanto lo ritengo molto interessante) analizzando un altro errore molto comune in particolare con riferimento al discorso dell’avidità.

Avidità per me significa voler fare tanti soldi e subito, pretendere di ottenere rendimenti migliori di quelli del mercato, e pretendere di poter moltiplicare il proprio capitale anche 3 o 4 volte nell’arco di poco tempo. Tutto questo, sia chiaro, lo vogliamo la maggior parte delle volte senza voler nemmeno rischiare.

A questo proposito parto subito con una provocazione, ovvero di tutti i siti che vedo, di tutti i “professionisti” che parlano, nessuno fa vedere i risultati sul proprio capitale (badate non mi riferisco a screenshot fasulli o presunti backtest o simulazioni che fanno intendere che i soldi siano tuoi, intendo fammi vedere proprio il deposito titoli oppure il portafoglio presso il tuo broker).

Perciò inizio con il dirvi che quando lanceremo nel mese di aprile 2020 la nostra sezione dedicata al mondo degli investimenti, in primis ci saranno i miei soldi e potrete vedere esattamente le operazioni che faccio sul MIO capitale (questo perché ritengo ci possa differenziare da tutta la fuffa che si trova sul web).

Tornando a noi, trovo sempre esilarante quando una persona promette rendimenti superiori alla media oppure qualcuno nella community mi chiede se riesco a performare più del mercato (che poi vuol dire tutto e niente, cosa intendiamo per “mercato”).

Poi ragiono sempre su una cosa: nel mercato esistono diversi operatori (tra cui Investitori retail o Istituzionali, come Banche ed Assicurazioni, fondi pensione) e numerose persone che fanno parte di queste società hanno alle spalle dei CV impressionanti, con studi in prestigiose università o esperienze lavorative di tutto rispetto.

Se ci pensate però, queste persone sono tutte in competizione tra di loro, tutte che cercano di arrivare “prima” su quel determinato trend, su quel determinato titolo, per battere il mercato. Tutti con delle analisi impressionanti e dati precisi al millesimo.

Tutto questo però è un gioco a somma zero e nella peggiore ipotesi negativa, altrimenti i fondi comuni ad esempio (gestiti da persone sulla carta molto competenti) batterebbero i loro benchmark spesso (invece 8/10 non ci riescono se consideriamo un arco temporale pari o superiore ai 3 anni, qui trovate i dati completi).

tabella.gif

% fondi comuni battuti dal Benchmark a 1,3,5,10 anni (fonte: Spindices) 

Quindi se una persona mi chiede “Francesco, ma quanto puoi aspettarti dai tuoi investimenti come rendimento annuale?”

E’ una domanda tipica (e sbagliata, come ho già spiegato più volte), ma in questo caso volendo rispondere a livello di aspettative, la più corretta è “il rendimento di mercato”, in quanto mi ritengo estremamente umile da non pensare di essere in grado di batterlo!

Perciò ecco cosa guardo: nell’immagine sotto trovate i rendimenti annuali di uno dei principali indici azionari (prendiamo ad esempio lo S&P 500).

sep.jpg

Performance annuali S&P 500 1827-2019 (fonte: Macrotrend)

Come potete vedere sopra, dal 1927 al 2019, il mercato ha avuto alti e bassi, e siamo passati a seconda dei periodi da un -47% del 1931 (tutti pensano erroneamente che il peggiore anno sia stato il 1929) ad un +47% c.a. del 1933.

Nel mentre, abbiamo avuto le seguenti caratteristiche:

  • 29/92 anni negativi
  • 2/92 anni a rendimento zero
  • 61/92 anni positivi

Ora, fermo restando che abbiamo già parlato dell’errore di tentare il market timing (beccare l’anno o il periodo migliore per entrare e per uscire non è possibile) resta l’altro errore di pensare di riuscire a fare meglio del “mercato” (l’indice S&P500 in questo caso) che mediamente ha performato tra crescita del valore titoli e reinvestimento dividendi un 9.075% annuo (non so voi, ma a me sta più che bene).

Quindi se qualcuno vi propone uno strumento “infallibile” per battere il benchmark, un portafoglio “dinamico” o una strategia per sovraperformare il mercato, ancora una volta, girate i tacchi e filate, anzi PRIMA gli chiedete di farvi vedere I SUOI SOLDI, IL SUO PORTAFOGLIO, e poi filate (perché tanto inventerà una scusa per non farlo).

Perciò vi do appuntamento ad aprile per il lancio della nostra nuova sezione dedicata agli investimenti ed alla formazione, nel frattempo resto a disposizione per i vostri feedback e per dubbi o domande sulla materia.

Alla prossima!

COME PERFORMARE SUI MERCATI SENZA PREVEDERE IL FUTURO

La scorsa settimana stavo riguardando l’andamento dei principali mercati azionari tra il 2018 e 2019:

La tabella è riportata qui sotto e riguarda sia il 2018, che il periodo dal 1/1/2019 al 28/10/2019

INDICE 2018 2019
Nasdaq (USA) -1% 25,5%
Ftse Mib (Italia) -16,1% 23,8%
Dax (Germania) -18.2% 22.4%
S&P500 (USA) -6.2% 21.2%
Cac40 (Francia) -11.9% 21.1%
Shanghai (Cina) -25.3% 18.5%
Eurostoxx600 (Europa) -15.2% 18%
MSCI World (mondo sviluppati) -10.4% 18%
Nikkei (Giappone) -12.1% 14.8%
Ibex (Spagna) -15.4% 9.8%
Ftse100 (Regno Unito) -12.4% 8.2%
MSCI EM (mondo emergenti) -16.6% 8%

 

Non occorre essere dei geni in matematica per capire che complessivamente nel biennio, nonostante un 2018 molto negativo su quasi tutti i tipi di investimenti, nel complesso il 2018/2019 si è rivelato molto positivo per quasi tutti gli investitori.

Ma la cosa molto interessante su cui voglio soffermarmi oggi è relativa a 2 concetti molto importanti che sottolineo sempre non solo ai miei clienti (quando gestisco i loro soldi), ma anche a me stesso (quando gestisco i miei).

In particolare, i 2 concetti sono i seguenti:

  1. Diversificazione
  2. Market Timing

Scusatemi se batto sempre sugli stessi temi, ma credetemi è solo perchè sono convinto che sia innanzitutto per il vostro bene, e che solo ripetendovi le stesse cose 10000000 volte alla fine le farete vostre e sarete investitori migliori con risultati migliori (se ci pensate il motivo per cui vi lavate i denti la sera prima di andare a dormire è solo perchè i vostri genitori ve lo hanno detto più o meno ogni giorno per i primi 10 anni della vostra vita no?)

Ma torniamo ai mercati…

DIVERSIFICAZIONE

Se andiamo a vedere i dettagli dei singoli paesi, anche in un mercato positivo come il biennio 2018-2019, 4 mercati su 12 (Spagna, Cina, Gran Bretagna e Mercati Emergenti) sono ancora in territorio negativo.

Questo vuol dire che se avessi puntato su un singolo paese, in 1 caso su 3 avrei potuto prendere quello sbagliato.

Invece voi avete imparato come funziona, avete capito che nelle decisioni iniziali della vostra “torta” (asset allocation in gergo tecnico) potevate ad esempio diversificare non solo per asset class (quindi le azioni ad esempio valgono il 50% del vostro portafoglio, il resto è in titoli di Stato, materie prime e così via) ma soprattutto per zone geografiche.

Immaginiamo infatti di avere un portafoglio da 10.000 Euro così composto:

  • 25% titoli di Stato USA
  • 25% obbligazionario Corporate IG (rating medio-alto)
  • 25% mercati sviluppati
  • 25% mercati emergenti

Ecco che nel periodo 2018/2019 la vostra performance sarebbe stata del 3.72% (con un rischio decisamente ridotto rispetto ad un portafoglio completamente azionario). La performance va considerata su base annua (quindi consideriamo poco meno del 2% annuo). Se vi sembra poco, considerate che oggi un BTP A 10 ANNI rende (annuo) circa un 1%….

Quindi capite bene il potere (e qui vi ho messo i numeri) della diversificazione anche in un biennio dove prima tutto va male, e poi tutto va bene (e voi sapete bene perchè lo avete letto sempre qui che per una perdita del 10% non basterà fare il 10% l’anno successivo per tornare al capitale di partenza, ma il 12%).

MARKET TIMING

Anche qui sottolineo una cosa già detta ma che è meglio ripetere…nessuno può prevedere l’andamento di mercato, nessuno, nè ora nè mai!

Quindi, l’unica cosa che possiamo fare è prendere consapevolezza della seguente affermazione:

il mercato ci offre dei rendimenti interessanti in un tempo adeguato, con un rischio più o meno ampio che noi possiamo scegliere!

Sta tutto qui! Perciò se qualcuno vi promette cose diverse girate i tacchi e filate via.

Tornando al nostro esempio pratico, dopo un 2018 molto negativo, diversi investitori hanno venduto la maggior parte dei propri investimenti presi dal panico, per paura di perdere ancora più soldi.

Questo è tecnicamente un errore, perchè sapete benissimo che allungando l’orizzonte temporale è matematicamente provato che i rendimenti negativi saranno sempre più ridotti.

Quindi vendere a fine 2018 voleva dire semplicemente “presumere” che il mercato nel 2019 sarebbe sceso ancora di più, e come detto prima questo non lo può sapere nessuno, quindi avete sbagliato in partenza!

Bravo genio, e quindi tu mi vuoi dire (così potete rispondermi) che sei entrato semplicemente nel 2019 perchè sei più furbo degli altri? Assolutamente no!

Infatti posso assicurarvi che io ero dentro sui mercati (vedere per credere sui post precedenti) SIA NEL 2018 CHE NEL 2019, ma posso dirvi che mentre il 2018 è stato negativo anche per me, nel 2019 (grazie anche ad analisi e dati che trovate nel blog) ho ritenuto che il mercato avesse ancora dei fondamentali solidi.

Così ne ho approfittato per incrementare la mia posizione, mantenendo però la diversificazione vista sopra (con l’aggiunta anche di oro e di singoli titoli come Intesa ed Electronic Arts di cui ho abbondantemente trattato).

Quindi come ripeto per l’ennesima volta nemmeno io ho la sfera di cristallo, ma attenersi a delle strategie precise sicuramente ci ripaga molto di più rispetto a qualsiasi altro metodo basato sull’intuizione o sulla preveggenza (cosa che su internet vende molto).

Perciò ricordatevi quanto detto sopra, e sappiate che nel 2020 vi aspetteranno grandi novità, perchè ci saranno cambiamenti molto importanti ed apriremo a diverse cose molto molto interessanti, il tutto restando sempre umili e continuando a studiare e praticare.

Alla prossima!

STAI PAGANDO TROPPO IL TUO INVESTIMENTO?

Lo abbiamo anticipato qualche settimana fa, parlando del fatto che è impossibile prevedere l’andamento di un certo titolo/asset class da qui ad 1 mese, 1 anno, 10 anni ecc…

Quindi l’investitore che (giustamente) vuole comunque investire cosa fa?  Tiene tutto sul conto corrente, con il capitale che ogni giorno viene letteralmente eroso dall’inflazione? Nemmeno per sogno!

Partiamo quindi con un ragionamento utile per chi attualmente ha questo problema (e poi daremo anche la soluzione tranquilli).

I dati storici (non solo degli ultimi 100 e passa anni ma anche di questo secolo) in verità ci danno un orientamento sia per ciò che riguarda il rischio, sia per il “range” di possibili rendimenti di una determinata categoria di azioni, rispettando però 3 condizioni fondamentali:

  • mantenere i costi estremamente bassi
  • avere un orizzonte temporale medio-lungo (10 anni minimo)
  • modificare il portafoglio il minimo necessario (in certi casi NON toccarlo proprio)

Rispettando le 3 condizioni sopra, e dando per scontato (cosa non vera ma la impareremo il prossimo anno) che la parte psicologica di finanza comportamentale sia conosciuta e gestita bene, aggiungiamo oggi un ulteriore strumento che può aiutarci nelle nostre analisi relative ai mercati azionari.

Prendo spunto da una ricerca svolta da Star Capital che vi consiglio assolutamente di leggere, e che potete trovare a questo link.

Partiamo dall’inizio, ovvero dall’errore di partenza: la maggior parte delle persone usa, per capire se il mercato è caro o meno rispetto ai valori “medi”, il Price/Earning ratio, ovvero (tradotto in italiano) il Rapporto Prezzo/Utili (P/E o PE la sigla).

Questo indicatore più è alto e più quel determinato titolo o quel determinato mercato saranno sopravvalutati, viceversa più è basso e più quel determinato titolo e quel determinato mercato saranno sottovalutati.

Sembra ovvio, ma preferisco sottolinearlo, LE STRATEGIE BASATE SU “COMPRO CON PE BASSO E VENDO CON PE ALTO” sono sbagliate, per un semplice motivo…QUESTO PE E’ INUTILE!

Lo è per dei motivi ben precisi…

  1. Gli utili delle aziende sono estremamente volatili
  2. Gli utili delle aziende (come i prezzi, che poi sono legati tra loro) sono molto difficili (se non impossibili) da prevedere

Per citare un esempio della ricerca sopra menzionata, il PE dell’indice S&P500 americano ha oscillato tra 7 e 77 punti dal 2009 al 2010!! Come fai a stabilire il valore “medio” o “in linea” di quel periodo??!

Ecco perché, OLTRE A TUTTA UNA SERIE DI ANALISI (vedi gli ultimi 135 articoli che ho scritto) andiamo a sostituire il PE “classico” con un indicatore forse non ugualmente preciso, ma sicuramente più corretto (quantomeno per identificare se ci troviamo in fasi di mercato con prezzi “cari” o “a sconto”): il CAPE di Shiller (da ora in poi CAPE).

Robert  Shiller è il nome dell’economista che lo ha progettato (professore a Yale). L’indicatore, la cui sigla sta per “cyclically adjusted price-to-earnings” ratio, è diverso rispetto al PE classico, in quanto mette in relazione il Prezzo attuale di un’azione (o di un indice) con gli utili CORRETTI PER L’INFLAZIONE DEI 10 ANNI PRECEDENTI!

Ora, l’implicazione che sta alla base di questo indicatore è la seguente: cercare di attribuire un valore più corretto e vicino ai VERI valori medi di PE, poiché 10 anni sono decisamente un periodo più affidabile di valutazione (se consideriamo poi che in media un ciclo economico dura 7 anni, e che questo recente è uno dei più lunghi della storia e dura da 11, capiamo il perché della scelta temporale di Shiller) per la stima degli utili societari.

Sulla base di questo modello quindi, se ad esempio la media storica del CAPE sul mercato azionario americano è di 16.6, ed oggi siamo ad un valore di 30, potremo ragionevolmente affermare che ci troviamo in una fase storica di mercato molto “cara” dal punto di vista dei prezzi, ecco quindi che questo aspetto andrà fortemente considerato nelle nostre decisioni di investimento.

Di seguito la situazione attuale (che potete trovare QUI) dei valori relativi al mercato azionario americano, dove possiamo notare come storicamente a valori molto alti sono sempre seguiti cali molto forti di mercato (1929, 2000, 2008).

shiller_CAPE.png

Per facilitarvi le cose, di seguito vi riporto, sempre in riferimento al lavoro di Star Capital, (perchè si ragiona sempre come se gli Stati Uniti siano l’unico mercato esistente, ma visto che vi conosco so che volete informazioni anche su altri mercati) i livelli di CAPE delle principali borse mondiali (solo qui trovate informazioni così ampie).

PAESE DATA AVVIO MAX MIN MEDIA
AUSTRALIA 1979 30,2 7,7 17,2
BELGIO 1979 31,9 4,8 15,4
CANADA 1979 60,1 6 21,4
DANIMARCA 1979 64,8 4 24,5
FRANCIA 1981 57,4 6,1 21,9
GERMANIA 1979 57,4 7,8 20,6
HONG KONG 1990 33 8,5 18,3
ITALIA 1994 53,5 6,2 22,1
GIAPPONE 1979 91,5 15,8 43,2
OLANDA 1979 37,9 4,6 14,8
NORVEGIA 1979 29,1 6,8 15,7
SINGAPORE 1982 38,1 9,8 22,1
SPAGNA 1990 39,6 6,4 18,3
SVEZIA 1979 81 4,8 23
SVIZZERA 1979 56,9 7,1 21,9
UK 1979 26,9 6 15,3
USA 1979 45,6 6,4 20,3
S&P500 1979 1979 44,2 6,6 21,4
S&P500 1881 1881 44,2 4,8 16,6
MSCI COUNTRIES 1979 91,5 4 21
ALL COUNTRIES 1979 91,5 4 20,1

NB: La voce “MSCI countries” contiene tutti i mercati tranne lo S&P500, “All Countries” invece lo contiene.

CONCLUSIONI

Da quest’ultima analisi è possibile vedere come periodi di CAPE elevati hanno nella quasi totalità dei casi portato a successivi periodi difficili dal punto di vista delle quotazioni, per il semplice fatto che “i valori” tendono sempre a tornare verso la media storica. Ora, questo può essere utile per sapere esattamente come si muoveranno i mercati? Assolutamente no!

Ma posso comunque utilizzarlo per 2 considerazioni importanti (le faccio nel caso specifico del mercato americano, attualmente con un CAPE DOPPIO rispetto alla media storica, perciò sopravvalutato):

  • Sapendo che esponendomi al mercato (americano in questo caso ma l’esempio vale per tutti) che al momento attuale risulta sopravvalutato, sarà opportuno OGGI PIU’ CHE IN ALTRI MOMENTI STORICI ADOTTARE UNA MAGGIORE DIVERSIFICAZIONE

 

  • Volendo entrare comunque nel mercato, poichè NON è possibile conoscere prima quando avverrà lo storno più violento, e quindi non volendo perdermi i profitti generati, potrò optare per una soluzione in modalità piano di accumulo, in modo che se da qui ad esempio a 3 anni dovesse verificarsi il famoso “mercato orso”, potrò incrementare i miei acquisti e beneficiare di prezzi più vantaggiosi

 

  • i valori del CAPE attuali andranno a comporre una parte degli elementi per un’analisi di mercato complessiva sui titoli in cui voglio investire (ad esempio insieme agli indicatori Macroeconomici, insieme ad altri multipli di bilancio, insieme alla valutazione dell’attuale situazione politica) per un’analisi più aprofondita

Ecco quindi che anche questo spunto ci potrà essere utile quando andremo a definire la nostra asset allocation relativamente al nostro portafoglio titoli.

Come sempre spero di essere stato utile (e pratico soprattutto) e vi auguro cari #Wallstreeters un buon weekend.

Alla prossima!

 

VALUTAZIONE TITOLI BANCARI: INDICATORI DA ANALIZZARE

Dopo il conto economico, cerchiamo di capire come funziona lo Stato patrimoniale di una Banca, e soprattutto quali sono le cose importanti su cui concentrarsi (lasciando perdere ciò che è superfluo).

Partiamo con il riassumere a grandi linee come funziona uno Stato patrimoniale di una Banca (dove ricordiamo il ragionamento è invertito, ovvero i depositi sono passività, mentre i finanziamenti che concede sono attività).

ATTIVO PASSIVO
investimenti (Titoli di Stato/altro) CAPITALE BANCA (AZIONI)
FONTI DI FINANZIAMENTO (OBBLIGAZIONI Senior/subordinate)
Finanziamenti a privati/aziende (prestiti-mutui ecc) FONTI DI FINANZIAMENTO (depositi/conti correnti)

Ecco l’illustrazione generale di come è suddiviso lo Stato patrimoniale. Mi soffermo un secondo su una questione che finisce spesso sui giornali, ma che la maggior parte degli investitori non riesce a comprendere, vediamo se riesco a spiegarvelo in 2 minuti.

L’affermazione è la seguente:

SE SALE LO SPREAD, I TITOLI AZIONARI DELLE PRINCIPALI BANCHE ITALIANE SCENDONO (SALE LO SPREAD QUINDI E SCENDE LA BORSA DI MILANO)

Dal bilancio possiamo vedere che investimenti come i titoli di Stato (la Banca “Monte dei Paschi ad esempio che acquista BTP) finiscono in bilancio nella parte dedicata alle attività. Quindi, (e qui sta la spiegazione) sappiamo che esiste una relazione inversa tra Prezzo e rendimento delle obbligazioni (a maggior ragione se a tasso fisso), di conseguenza il filo è il seguente:

Sale lo spread (che solitamente significa che salgono i rendimenti dei BTP). Se salgono i rendimenti dei BTP, scende il loro prezzo, che vuol dire in sostanza che scende il valore dell’investimento. Se scende il valore dei BTP, significa che se prima la Banca Monte Paschi aveva come attività 100 di BTP, adesso quegli stessi BTP varranno in bilancio 95 (per esempio). Il punto però è un altro (e qui come sempre andiamo “a fondo della questione”). Quando una banca (italiana in questo caso) chiede soldi, spesso si rivolge alla BCE (Banca Centrale Europea), che “a garanzia” di questo prestito concesso chiede ad esempio dei titoli come i BTP. Perciò se i BTP perdono valore, a fronte di un ammontare di prestito equivalente, le Banche dovranno fornire in garanzia più quantità di BTP (che valgono meno). Inoltre, essendo molte banche di fatto operanti su territorio italiano, un aumento del “costo” per lo Stato (+ interessi) quando chiederà soldi a prestito, si rifletterà inevitabilmente anche in un aumento di costo per le Banche (e più in generale per le aziende italiane) quando anche loro dovranno chiedere soldi al mercato.

Ora che spero di aver chiarito il legame “sale lo spread calano le azioni delle banche” andiamo avanti sul bilancio.

In particolare come detto nell’ultimo articolo, il bilancio della Banca ci aiuta a ricavarne la solidità, in base a degli indicatori (una sorta di equivalente dei multipli) che servono da confronto per valutare banche più o meno solide.

Prima di vedere quali sono, una precisazione importante: gli ATTIVI DELLA BANCA (quelli che nello Stato patrimoniale si trovano a sinistra, vedi sopra) non sono tutti valutati allo stesso modo, ma vengono “ponderati per il rischio”.

Faccio un esempio:

Una Banca ha 2 attività in bilancio:

  • 100.000 Euro: titoli di Stato
  • 100.000 Euro: finanziamento concesso all’azienda “XY”

I Titoli di Stato, essendo considerati MENO RISCHIOSI del prestito all’azienda “XY” hanno un fattore di ponderazione pari ad esempio a 0.5.

Il finanziamento concesso all’azienda invece, essendo considerato più rischioso, ha un fattore di ponderazione pari ad 1.

Quindi il Bilancio “ponderato” (quello giusto che dobbiamo guardare noi, le autorità di vigilanza, praticamente tutti quelli che “dovrebbero” definirsi investitori) risulta così aggiornato:

  • 50.000 Euro Titoli di Stato (100.000 X 0.5)
  • 100.000 Euro finanziamento concesso  all’azienda “XY” (100.000 X 1)

Quello che a prima vista può sembrare una cosa positiva (valutazione maggiore degli attivi rischiosi) in realtà non lo è, per un semplice motivo:

NEGLI INDICATORI DI SOLIDITA’ BANCARIA, CHE SOLITAMENTE SONO UNA FRAZIONE, E SONO ESPRESSI IN PERCENTUALE, GLI ATTIVI SONO A “DENOMINATORE” E VOI SAPETE DALLA QUINTA ELEMENTARE CHE IN UNA FRAZIONE, QUANTO MAGGIORE E’ IL DENOMINATORE, TANTO MINORE SARA’ IL RISULTATO 

Quindi avete già compreso un’altra importantissima verità, ovvero perchè le Banche in determinati periodi “chiudono i rubinetti”, il motivo è quello appena spiegato sopra:

dare più finanziamenti, a maggior ragione rischiosi, RIDUCE gli indicatori di solidità patrimoniale, con tutta una serie di conseguenze economiche, legali ed amministrative

Bene, quindi quali sono i principali indicatori per una Banca che dovete esaminare per capire quali stanno meglio di altre?

Vediamo l’elenco: nel prossimo articolo (oggi avete già il 90% in più delle informazioni dell’investitore medio) li andremo ad esaminare in dettaglio.

PS: INSERIAMO QUI INDICATORI SIA DI SOLIDITA’ CHE REDDITUALI CHE DI CREDITO, POICHE’ ANDREMO A METTERE INSIEME QUANTO APPRESO SIA LATO CONTO ECONOMICO CHE LATO STATO PATRIMONIALE.

  • CET1 RATIO
  • TOTAL CAPITAL RATIO (TCR)
  • LIQUIDITY COVERAGE RATIO
  • ROE (RETURN ON EQUITY)
  • EFFICIENCY RATIO
  • CREDITI DETERIORATI NETTI/TOTALE CREDITI NETTI
  • TASSO DI COPERTURA CREDITI DETERIORATI
  • SOFFERENZE NETTE/PATRIMONIO NETTO

A questi possiamo tranquillamente aggiungere un importante indicatore di rischio che molti di voi già conoscono, ovvero i CDS (Credit default Swap).

Alla prossima!

 

 

#BusinessBreakfast: ci vediamo a Milano?

A New York lo chiamano “il pasto del potere”, così almeno sosteneva il Wall Street Journal poco tempo fa. Ma cosa vuol dire davvero l’evento “Business Breakfast” per noi, e soprattutto…cosa vuol dire “ESSERE UN WALLSTREETER”?

In America questa abitudine è tornata nuovamente in voga, poiché si pensa che ormai le colazioni d’affari siano il nuovo modo di fare business, di parlare di finanza, di Investimenti. Ed un Wallstreeter è uno che ama parlare di questo, perché mentre il 90% della popolazione parla di Calcio, di Meteo, lui/lei parla di nuove aziende, parla di Investimenti, parla di nuovi progetti, parla di trend, di FUTURO.

In Italia una cosa del genere non è mai esistita, almeno fino ad oggi. Infatti il giorno 11 ottobre, a Milano, per la prima volta giovani studenti, Amministratori Delegati di società quotate, trader, investitori immobiliari, Business Angels, Venture Capitalist, tutti si ritroveranno insieme in un solo grande evento per fare networking, stringere partnership, e parlare di Business, tutto questo nel bel mezzo di una Colazione, una “Business Breakfast” appunto.

L’evento, che rappresenta il coronamento della prima fase del percorso di crescita del progetto “Colazione a Wall Street”, ospiterà un massimo di 150 persone (più qualità e meno quantità).

Come sarà strutturata la giornata dell’evento:

  1. Interventi di ospiti in ambito Finanziario
  2. Tavole rotonde sul Fintech e sulla Finanza vista dai Giovani
  3. Colazione con all’interno spazio newtorking e formazione su materie quali Investimenti Immobiliari, Trading, Criptovalute, Asset Allocation/Consulenza finanziaria, Startup

Al termine della Business Breakfast, avrai compreso:

  • Quali sono i trend finanziari più in voga in ambito Fintech
  • Come scegliere le persone giuste per il tuo Business
  • Cosa cercano le aziende che assumono in ambito finanziario
  • Come definire il tuo “portafoglio titoli” e cosa sia la “vera consulenza”
  • Quali sono le principali operazioni immobiliari disponibili sul mercato
  • Come approcciarsi al settore delle Criptovalute distinguendo le opportunità dai pericoli
  • Come impostare una strategia di Trading online corretta

E molto altro….

Alcune Testimonianze di chi segue Colazione a Wall Street….

Spettacolare! Finalmente una pagina di economia ed investimenti che spiega tutto in modo chiaro e semplice! La n.1 in Italia (Silvia)

Utile, giovane e sul pezzo. Invoglia al tenersi al passo con ciò che accade e propone i concetti già in un contesto reale. Top. (Giacomo)

Contenuti spiegati in maniera molto semplice ma con il massimo della serietà e professionalità! Ogni mattina guardare il video di Colazione a Wall Street è il modo giusto con cui iniziare la giornata e le varie rubriche contribuiscono a rendere ancora più interessante la pagina. Complimenti allo staff per tutto quello che fate ogni giorno (Matteo)

L’evento #BusinessBreakfast rappresenta quindi un’importante occasione di formazione e aggiornamento per tutti i giovani, i professionisti e gli appassionati del mondo Investimenti. Una giornata che mette al centro della discussione i partecipanti stessi, dove l’innovazione e il cambiamento saranno i temi principali.

Le aree sono suddivise in speech frontali, momenti di networking, formazione e tavole rotonde che tratterranno i principali trend topic del momento come: fintech, blockchain, e nuovi modelli di business. La presenza di rappresentanti di aziende importanti, sul piano internazionale, come SCM Sim SpA, GB Investing, Relender, N26, Starting Finance, TradingView Italia e molte altre, conferma l’eccellenza che l’evento si propone di mantenere.

Compreso nel biglietto: Kit di benvenuto + formazione a 360 gradi su Trading/Investimenti/Immobiliare/Criptovalute

Il primo ed unico evento che inoltre…

Ti invia GRATUITAMENTE via e-mail

il File Excel per costruire e gestire le tue spese

e ti REGALA

l’edizione di 48 pagine dell’e-book per iniziare a prenderti cura dei tuoi investimenti

COSA ASPETTI? REGISTRATI SUBITO, I POSTI SONO LIMITATI!

CONTATTI: Referente e titolare evento Francesca Caterina Santin

main_sponsor.png

Puoi contattarci all’indirizzo colazioneawallstreet@gmail.com

▶ Per ricevere maggiori informazioni sull’evento

▶ Per diventare nostro Sponsor o partecipare all’evento come Media Partner.

Per seguire le ultime news seguici su Facebook, Instagram. Linkedin

POLITICA DI RIMBORSO

Non sono previsti rimborsi.

EA, DOPO IL CONTO ECONOMICO, LO STATO PATRIMONIALE

Molto bene, ci abbiamo impiagato ben 4 articoli e circa un mese per approfondire come analizzare il conto economico di una società (EA nel nostro caso presa come esempio). Adesso passiamo ad un altro aspetto importantissimo da unire al conto economico, ovvero lo stato patrimoniale.

Sappiamo che a differenza del conto economico, che rappresenta dei flussi (simile al rendiconto finanziario con i flussi di cassa) lo stato patrimoniale invece possiamo vederlo come una FOTO, qualcosa di STATICO, che rappresenta la situazione in un determinato periodo, e solo in quel determinato periodo.

Ora, la legge fondamentale che lega lo Stato patrimoniale è la seguente:

Attività = Passività + Capitale Netto

Le attività (cassa, crediti, tutto ciò che rappresenta aspetti positivi di un’azienda) sono uguali alla somma delle passività (debiti ad esempio) e del Capitale Netto (che approfondiremo nei prossimi articoli in quanto merita particolare attenzione).

Bene, come sempre riporto lo Stato patrimoniale di EA così poi passiamo alle dovute analisi (dati espressi in migliaia).

VOCI ATTIVO 2015 2016 2017 2018
CASSA/LIQUIDITA’ € 2.068.000,00 € 2.493.000,00 € 2.565.000,00 € 4.258.000,00
RIMANENZE (scorte) € 36.000,00 € 0,00 € 0,00 € 0,00
CREDITI NETTI € 362.000,00 € 233.000,00 € 359.000,00 € 385.000,00
TOT. ATTIVO CIRCOLANTE (o attività correnti) € 3.720.000,00 € 4.354.000,00 € 5.199.000,00 € 6.004.000,00
IMMOBILIZZAZIONI TECNICHE (patrimonio imp.) € 459.000,00 € 439.000,00 € 434.000,00 € 453.000,00
ATTIVITA’ IMMATERIALI (immobilizz. Imm.) € 111.000,00 € 57.000,00 € 8.000,00 € 71.000,00
(di cui) AVVIAMENTO € 0,00 € 0,00 € 0,00 € 0,00
TOTALE ATTIVO € 6.147.000,00 € 7.050.000,00 € 7.718.000,00 € 8.584.000,00

Ora che abbiamo riportato il totale attività degli ultimi 4 anni, andiamo a vedere le singole voci cosa rappresentano.

CASSA-LIQUIDITA’: vale per i privati, per le aziende, “cash is king” si usa dire. Eh si, perchè se un’azienda non ha liquidità è praticamente morta. Questo perchè immaginiamo il caso di una società con crediti da incassare per 100, debiti da pagare per 20, perfetto! apparentemente sembrerà una società a posto. Ma se i debiti vanno pagati PRIMA dei crediti, allora in assenza di liquidità (da anticipare in attesa di ricevere l’incasso sui crediti) l’azienda si troverà a corto di soldi e tecnicamente potrebbe anche chiudere bottega. Quindi onde evitare questi problemi, una società in grado di “fare cassa”, di avere liquidità sui conti correnti per svolgere tutta una serie di incombenze (pensiamo ad esempio anche al tema investimenti, qualora volesse acquistare un potenziale competitor) sarà decisamente migliore di una società con poca se non addirittura nessuna liquidità. Perchè guardare lo storico e non un solo anno? Semplice, potrebbe darsi ad esempio che fermandoci solo alla foto del 2018 la liquidità sia dovuta ad esempio ad un’operazione straordinaria (che abbia generato un incasso superiore agli altri anni) mentre a noi interessa la capacità di generare SEMPRE liquidità sufficiente con il proprio business. Inoltre nei periodi difficili (ed un’azienda ne avrà nel corso del tempo) la cassa sarà una delle armi di difesa più importanti per superare eventuali tempeste finanziarie o momenti di scarse vendite.

RIMANENZE: le rimanenze sono tutte quelle attività vendibili in poco tempo (quindi lo step “successivo” alla liquidità/cassa). Anche qui è preferibile che risultino in crescita piuttosto che in calo ma senza particolari eccessi (quindi un trend di crescita costante). Solitamente per la rimanenze ci si riferisce più ad aziende che presentano merce “fisica” mentre nel caso di aziende tecnologiche o di servizi tale voce (come nel caso di EA) risulterà bassa o nulla e quindi meno rilevante.

CREDITI NETTI:  è un buon indicatore di come la società riesce a gestire i propri incassi, dal momento che la formula è la seguente:

CREDITI NETTI = CREDITI TOTALI – CREDITI INESIGIBILI

Rispetto ai competitor avere un valore più alto di questa voce è considerato un fattore molto positivo

TOTALE ATTIVO CIRCOLANTE: la somma di tutte le attività liquide o prontamente liquidabili prende il nome di attivo circolante, che da solo rappresenta già un buon indicatore (più alto è meglio è) ma che esprime tutto il suo potenziale quando viene rapportato al TOTALE PASSIVO CIRCOLANTE (che tratteremo in seguito).

Infatti per esprimere l’indice principale che ci fornisce meglio di tutti il grado di liquidità di un’azienda, utilizzeremo il coefficiente di liquidità.

COEFFICIENTE DI LIQUIDITA’ = ATTIVO CIRCOLANTE/PASSIVO CIRCOLANTE

Intuitivamente possiamo già capire che più alto è meglio è, ma di quanto dovrebbe essere per avere livelli tali da indurci a valutare un possibile acquisto del titolo?

Banalmente, MAGGIORE DI 1!! Ciò vuol dire che se ad esempio il nostro coefficiente sarà di 2, le attività “disponibili e liquide” saranno il doppio delle passività (quindi l’azienda sarà in grado di far fronte ai propri impegni ed eventualmente avere ancora liquidità sufficiente per altri scopi.

 

Molto bene, anche per oggi direi che abbiamo detto abbastanza, quindi vi lascio il tempo di assimilare questi concetti (e magari di rivedervi gli articoli precedenti) così da tornare al prossimo articolo pronti per andare avanti.

SE NON LO AVETE ANCORA FATTO VI INVITO AD ISCRIVERVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PERCHE’ RICEVERETE IN REGALO IL FILE PER VALUTARE TUTTI QUESTI ASPETTI IN POCHISSIMO TEMPO E SENZA SFORZO, PER CAPIRE MEGLIO QUANTO POTREBBE VALERE UN’AZIENDA!

Alla prossima!

BASSA EDUCAZIONE FINANZIARIA, DI CHI E’ LA COLPA?

L’Italia ha uno dei più bassi livelli di educazione finanziaria nel mondo (dietro Togo e Zambia, come cito sempre). Spesso gli addetti ai lavori (educatori/Istituzioni finanziarie/professionisti del settore) tendono a dare la colpa agli stessi italiani, sul fatto che per pigrizia, voglia, tempo, competenze dovrebbero aggiornarsi per comprendere meglio il tema investimenti.

Questo è vero in parte, ma la domanda che tutti gli “addetti ai lavori” dovrebbero porsi è: QUANTO STIAMO FACENDO IN REALTA’ DI CONCRETO per avvicinare le persone al mondo della finanza e per aiutarle a realizzare i propri obiettivi economici?

Ogni giorno quando lavoro a questo progetto ho ben presente questa domanda, e la risposta cerco di darla quotidianamente con la mole di contenuti che cerchiamo di sfornare in supporto alle persone interessate a migliorare la propria situazione.

Noi come poche altre realtà però siamo un’eccezione, perchè il nostro Paese si sa è pieno di pericoli, dagli imbonitori ai guru ai falsi “professionisti” che alla fine vogliono solo spillarti soldi e venderti qualcosa.

Perciò il secondo punto di attenzione su cui stiamo cercando di focalizzarci è: COME POSSIAMO AIUTARE LE PERSONE AVVICINANDOLE ALLA FINANZA? Un qualcosa che possa avere la stessa attenzione e lo stesso peso nelle decisioni familiari del mangiare sano, andare a scuola, fare sport. Come possiamo rendere davvero la finanza (quella sana, che aiuta davvero) un aspetto importante della vita degli italiani?

Su questo secondo punto non ho la risposta definitiva, ma credo che “FARE SQUADRA” possa essere una delle ipotesi. Ci sono troppe piccole realtà, spesso in competizione tra loro a dire le stesse cose, oppure una che smonta i contenuti dell’altra perchè purtroppo anche l’egoismo fa parte della nostra mentalità (morte tua vita mia).

Questo oltre che sbagliato potrebbe portare il sistema all’autodistruzione, cancellando quel poco di buono che ancora resta per cercare di migliorare le cose.

Ecco perchè a breve noi di Colazione a Wall Street cercheremo di tradurre nei fatti queste tematiche, cercheremo (nel nostro piccolo sia chiaro) di accendere quel fuoco di speranza per portare la finanza nelle case delle persone, come un aspetto imprescindibile.

Ma nel frattempo, l’appello a tutti gli addetti ai lavori è di non mollare, nonostante l’ambiente ed il sistema siano estremamente sfidanti, continuare a divulgare, con l’intenzione VERA di aiutare le persone, e andare oltre quell’immobilismo che oggi impedisce alle persone di migliorare la loro vita economicamente.

Intanto restate sintonizzati su questi canali, perchè a breve annunceremo grandi novità.

A presto

EA: ANALISI DI UN TITOLO, PARTE 3, LIMITA LE SPESE!

Si, dovevo pubblicarlo ieri questo articolo, chiedo scusa ma il lavoro è sempre molto ed ogni tanto anche io sono costretto a posticipare le cose. Ci siamo lasciati qualche settimana fa con l’inizio dell’analisi fondamentale (prendendo come spunto il titolo Electronic Arts) ed iniziando a valutare diversi aspetti del bilancio aziendale partendo dal conto economico (potete rileggere l’articolo precedente QUI). Ora, proseguiamo con le altre voci di bilancio e soprattutto cerchiamo di capire come interpretarle (vi ricordo che sempre nell’articolo precedente trovate i siti web GRATUITI dove cercare tutti i dati utili per l’analisi della vostra azienda).

Riprendiamo il Conto Economico (la prima parte) per concludere questa sezione di informazioni:

ANNO 2015 2016 2017 2018
CONTO ECONOMICO
RICAVI (FATTURATO)  4.515.000,00  4.396.000,00  4.845.000,00  5.150.000,00
COSTO DEL VENDUTO (CDV)  1.429.000,00  1.354.000,00  1.283.000,00  1.277.000,00
SPESE G.LI/AMM.VE/VENDITA  1.033.000,00  1.028.000,00  1.112.000,00  1.110.000,00
SPESE RICERCA E SVILUPPO  1.094.000,00  1.109.000,00  1.205.000,00  1.320.000,00
AMMORTAMENTI   –    –     –     –  
INTERESSI PASSIVI -31.000,00 -28.000,00 -47.000,00 -44.000,00
IMPOSTE  50.000,00 -279.000,00  243.000,00  406.000,00
  • SPESE GENERALI-AMMINISTRATIVE-DI VENDITA: trattandosi di spesa, vale la regola che più basse sono meglio è, ma soprattutto, nel corso degli ultimi 4-5 anni, devono risultare stabili nel tempo (cosa che per EA si vede molto bene). Solitamente non dovrebbero inoltre superare il 50% del profitto lordo (Ricavi meno CDV).

 

  • SPESE DI RICERCA E SVILUPPO: ora, su questa voce, considerando lo stesso discorso del “meno è meglio” dobbiamo aprire una piccola parentesi, ovvero “dipende dal settore in cui l’azienda opera”. Questo perchè, se è pur vero che le spese di ricerca e sviluppo, come dice il buon Warren Buffett, se sono alte significa che l’azienda per restare in piedi dovrà sempre di più “inventare e sviluppare” nuovi prodotti o servizi, bisogna anche dire che mi aspetterò spese di R&S più alte in determinati settori (pensiamo alla tecnologia oppure al farmaceutico) piuttosto che ad esempio in un’azienda di vestiti o del settore finanziario (anche se qui di “invenzioni” ne sono state fatte comunque molte :)) Ciò comunque non toglie che un’azienda SANA con spese R&S basse sia indubbiamente preferibile rispetto ad un’azienda dello stesso settore con importi di questa voce più elevati. Qualora fossero nulle, può tranquillamente accadere, e non sarà una cosa negativa. Prendiamo il caso EA, dove sicuramente per lo sviluppo di nuovi videogiochi una componente di R&S è quantomeno legittima, e comunque anche in questo caso sempre lineare e pari a circa 1/3 del profitto lordo.

 

  • AMMORTAMENTI: anche qui meno è meglio, solitamente anche questi entro il 10% del profitto lordo (non mi dilungo su questo tipo di voce, per le definizioni avete wikipedia)

 

  • INTERESSI PASSIVI: Sapete bene quando parlo degli interessi passivi, di solito mi riferisco ad esempio ai problemi degli interessi che il nostro Paese paga sul suo debito enorme. Ciò significa che lato conti pubblici nonostante gli sforzi dei vari Governi di Incassare più di quanto spendano, quando poi al conto totale bisogna aggiungere 60-70 Miliardi di Euro OGNI ANNO (se va bene, pensiamo solo all’ultima manovra che vale circa 30 Miliardi per capire quanto pesino gli interessi) i conti non tornano comunque. Per le famiglie e per le imprese vale lo stesso discorso, ecco perchè la voce interessi passivi (che sono quindi gli interessi relativi ai debiti che ha un’azienda, debiti che troveremo successivamente quando analizzeremo lo Stato patrimoniale) è molto importante, e più bassa è meglio è (mi sembra di averlo già detto, se poi non ci sono proprio allora l’azienda praticamente non ha debiti). E come il debito, è importante che un’azienda abbia sempre questa voce sotto controllo, lineare, ricordando che un’azienda sana tenderà a preferire il debito in contesti di tassi d’interesse bassi, quando il costo è decisamente conveniente.

Con questo abbiamo concluso il nostro articolo, e vi dò appuntamento alla prossima puntata dove concluderemo la valutazione del conto economico con le voci più “piccanti”.

Buona serata