ACQUISTO OBBLIGAZIONI: 3 INDICATORI DA CALCOLARE OLTRE ALLA LEVA FINANZIARIA

Riprendiamo il discorso iniziato ieri, relativamente ai parametri da osservare quando dobbiamo valutare l’acquisto di obbligazioni di una determinata società.

In particolare lo sappiamo, ci sono i soliti parametri che ti dicono tutti (quelli che sono abituati ad analisi superficiali) come ad esempio il rating (abbiamo visto nel 2008 quanto sia stato utile) la duration, il cambio ecc..

Questi indubbiamente sono parametri da considerare, ma fermarsi a questo primo livello di valutazione sarebbe assolutamente da principianti. Quindi visto che i #Wallstreeters sono invece molto più preparati, riprendiamo alcuni aspetti (niente di complicato fidati) per valutare davvero la qualità di un’azienda in ottica di acquisto delle sue obbligazioni (del suo debito).

Nel primo video abbiamo parlato di LEVA FINANZIARIA (guardalo se non lo hai fatto, dura poco ma è la base per iniziare). Adesso vediamo quali sono gli altri 3 parametri di bilancio per fare una valutazione corretta.

  1. DEBITO NETTO/CASH FLOW (NB/CF) 
  2. DEBITO NETTO/EBITDA 
  3. GEARING 

Dunque, ecco 3 indicatori molto importanti (oltre alla leva finanziaria, che adesso conosci perchè hai visto il video) che serve calcolare per valutare la convenienza di un determinato titolo obbligazionario (i dati utili li trovi, per quanto riguarda l’azienda che stai analizzando, su siti come MSN MONEY o YAHOO FINANZA, semplicemente andando a vedere i “dati finanziari” della società).

Andiamoli a vedere in dettaglio…

DEBITO NETTO/CASH FLOW: PIU’ BASSO E’ MEGLIO E’!

Bene, visto che questo indicatore mette in relazione il debito dell’azienda (numeratore) con i suoi flussi di cassa (a denominatore, che devono comunque essere positivi), intuitivamente possiamo già capire dalla formula matematica che più basso è meglio sarà (perchè il denominatore sarà maggiore del numeratore).

Vediamo adesso di calcolare però sia il debito netto che il cash flow…

  • Debito netto = Posizione finanziaria netta
  • Posizione Finanziaria netta = debiti (finanziari) – crediti (finanziari) – liquidità
  • Cash Flow = Utile di esercizio + ammortamenti – Capitale Circolante netto (CCN)

Trovate questi dati nello stato patrimoniale (attivo e passivo ovviamente) e il CCN nel video visto sopra sulla leva finanziaria

DEBITO NETTO/EBITDA: PIU’ BASSO E’ MEGLIO E’!

Stesso discorso visto sopra, in base alla formula se l’indice risulta elevato la società rischia di avere troppo debito, con probabilità maggiori di non pagare i creditori (tra cui eventualmente voi).

Qui il calcolo è semplice, perchè sul debito netto la formula è la stessa vista sopra, mentre l’ebitda (o Margine operativo Lordo, MOL) lo trovate direttamente nel conto economico della società (comunque sono i ricavi della gestione “caratteristica” meno i costi della gestione “caratteristica”).

GEARING = DEBITO NETTO/PATRIMONIO NETTO: PIU’ BASSO E’ MEGLIO E’

Quanto dipende l’azienda da debito esterno in proporzione al suo patrimonio?

Vale il solito concetto di numeratore e denominatore, basso è meglio (basta che non sia negativo però).

Debito netto vedi sopra (posizione finanziaria netta)

PATRIMONIO NETTO = CAPITALE SOCIALE + RISERVE + UTILI

Lo trovate nella parte destra dello stato patrimoniale

Bene, anche oggi vi abbiamo dato informazioni di grandissimo valore, adesso sta a voi diventare ogni giorno che passa degli investitori migliori, noi comunque ci siamo sempre per qualsiasi dubbio o informazione e mi raccomando,

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI E RICORDATEVI CHE IL GIORNO 11 OTTOBRE SAREMO A MILANO PER LA PRIMA BUSINESS BREAKFAST ITALIANA, CON GRANDI AZIENDE E PROFESSIONISTI PER PARLARE DI INVESTIMENTI, ECCO IL LINK PER ISCRIVERSI, I POSTI SONO LIMITATI!

 

INVESTIRE IN MODO SICURO: E’ POSSIBILE?

Ciao #Wallstreeter, torniamo a parlare di un argomento che, soprattutto in Italia, piace tantissimo… L’INVESTIMENTO SICURO! Brrrr, quando sento queste due parole insieme mi vengono i brividi, per 2 motivi principali:

  1. L’investimento per definizione NON può essere sicuro (prima di saltare sulla sedia cerca di non fraintendermi, ci sono investimenti più tranquilli di altri, investimenti che garantiscono una probabilità di rimborso del capitale del 99%, ma per definizione esisterà sempre una probabilità di rischio!!!) , quindi le due parole insieme non hanno senso (si lo so che qui senti sempre cose diverse da quelle percepito in altri posti, mi dispiace ma se ormai hai letto un po’ dei miei articoli sai che sono estremamente diretto
  2. Cosa significa INVESTIRE? La definizione Treccani dice testualmente: “Impiegare utilmente risparmî (o somme in genere) in capitale o in imprese fruttifere.

 

“FRUTTIFERE”, che generano frutti, interessi. Bene, guardami negli occhi….vuoi dirmi che TUTTI gli investimenti che hai fatto nella vita sono SEMPRE stati fruttiferi? Ogni singola azione, società, fondo, etf eccetera eccetera in cui hai investito ti ha SEMPRE fatto guadagnare?

Se hai risposto “SI”, lasciamo la tua mail nei commenti che ti metto a disposizione il blog per spiegare a tutti il tuo segreto…

Se come immagino almeno una volta hai “percepito” sulla tua pelle cosa vuol dire “investire” e poi le cose vanno male (anche le perdite fanno parte del percorso), allora finisci di leggere questo articolo…

Se poi non hai mai “investito”, leggilo comunque (perché ti servirà) semmai decidessi di iniziare.

Quindi ecco che sia per la definizione di “Investimento”, che di “sicuro”, avrei qualcosa da ridire….figuriamoci con entrambe le parole insieme.

Bene, ora che abbiamo chiarito alcune cose, riprendiamo a parlare di quali alternative possiamo avere per impiegare il nostro denaro in qualcosa che ci consenta di avere una probabilità maggiore di restituzione del nostro capitale con gli interessi.

Dunque, facciamo un brevissimo riepilogo dividendo i nostri…si ok uso la parola “Investimenti” (anche se impropria) in base alla maggiore probabilità (non garanzia, ricordalo) di riavere indietro i propri soldi dopo un certo periodo:

PROBABILITA’ MOLTO ALTE

  • TITOLI DI DEBITO (OBBLIGAZIONI) DI ENTI SOVRANAZIONALI (BEI, BIRS)
  • GESTIONI SEPARATE (PRODOTTI ASSICURATIVI CHE FONDAMENTALMENTE SONO UN INSIEME DI TITOLI DI STATO, PER LA MAGGIOR PARTE)
  • CONTI DEPOSITO
  • CERTIFICATI DI DEPOSITO

 

PROBABILITA’ ALTE

  • TITOLI DI STATO
  • OBBLIGAZIONI DI SOCIETA’ PRIVATE
  • BUONI FRUTTIFERI POSTALI

 

Ok? Per tutto il resto (fondi, azioni, ETF) le probabilità sono variabili!!!

Ovvero, dipende da come investi i tuoi soldi, da che strategia usi, dall’orizzonte temporale, dal tipo di società in cui metti i soldi, perciò non confondere mai queste cose, perché potrebbe costarti caro!

Ora che abbiamo visto i principali strumenti, sappiamo che una delle leggi universali nel mondo degli investimenti è quella del rischio-rendimento.

Te lo spiego con un esempio pratico: se TRA due obbligazioni di 2 società dello stesso settore, ad esempio banche, dello stesso tipo, ad esempio senior e non subordinate, con la stessa durata temporale, una rende il 2% annuo e l’altra il 6%…ci faremo qualche domanda!

Detto ciò, le obbligazioni (che siano Titoli di Stato, di società, di enti sovranazionali) sono inserite all’interno della lista perché prevedono per definizione la restituzione del capitale a scadenza, salvo che poi abbiamo visto casi (Grecia, Parmalat, Monte Paschi) dove le cose sono andate diversamente.

Ma anche qui, se la società (o ancora di più lo Stato) che scegliamo non presenta rischi particolari, le probabilità saranno a nostro favore.

Spero di averti chiarito quindi la risposta alla domandina che ogni tanto ti si presenta ovvero: come investire in modo sicuro? Quando altri avranno la tua stessa domanda, invitali a leggere questo articolo.

Alla prossima!

Francesco

Corea del Nord? Nord-grazie!

In questo primo articolo, su Investing.com riportiamo la nostra opinione a proposito dei recenti sviluppi sulle tensioni USA-Corea, e quali possono essere le chiavi di lettura a proposito delle reazioni sui mercati.

Nel secondo invece, la nostra opinione a proposito degli investimenti obbligazionari, quali mercati sono saturi e quali invece possono ancora rappresentare un’opportunità.

  1. https://it.investing.com/analysis/korea-del-nord-nordgrazie-200196866
  2. https://it.investing.com/analysis/reddito-fisso-sotto-pressione-200196926

Buona lettura!