PARTE 1/2: COME VALUTARE UN TITOLO AZIONARIO +18.7% (SE TE LO PUOI PERMETTERE)

Il segreto di tutti i segreti, peccato che non esista, oppure tutti sarebbero milionari!

Quanto volte sentiamo dire “vediamo quel titolo a rialzo” oppure “guadagna il X% con le azioni YY” oppure ancora “portiamo il nostro giudizio da Hold a Buy sul titolo XY”.

Come direbbe un noto cantante…TUTTO MOLTO INTERESSANTE!

Ma quindi cosa facciamo, non investiamo più? Questo decisamente non è consigliabile e direi che basta l’immagine riportata qui sotto per confermare quanto ti ho appena detto: SE NON INVESTI PERDI SOLDI! Suona strano vero? Eppure la storia ci dice che funziona così, con un piccolo accorgimento però…se investi DEVI FARLO NEL MODO GIUSTO (cosa non proprio scontata).

10k

Ecco quindi che in un portafoglio (che tu sia giovane o meno giovane) una quota piccola o grande andrà comunque destinata al mercato azionario, e qui assistiamo spesso alle cose più strane, alle truffe più incredibili, ai ragionamenti più assurdi.

Bene, lascia che ti dia qualche spunto pratico-operativo, cosa che da sempre contraddistingue il nostro blog visto che io INVESTO NON SOLO I MIEI SOLDI, MA ANCHE QUELLI DEI MIEI CLIENTI, e tu sai che io so di cosa parlo.

Vediamo quindi 2 consigli utili:

CONSIGLIO N.1 (CONOSCENZA BASE/NULLA)

Se rientri in questa particolare categoria di investitore (non ti preoccupare, è del tutto normale e soprattutto non sei l’unico, ce ne sono tantissimi, compresi alcuni finti “esperti”) puoi fare due cose:

  • formati almeno per le basi. Se non sai proprio nulla, amico/amica mia non puoi investire, lasciatelo dire, hai bisogno almeno di un’infarinatura di partenza (ti lascio il mio ebook che puoi scaricare gratuitamente cliccando QUI). Leggilo se non lo hai già fatto e poi prosegui con questo articolo
  • Una volta che sei più preparato, non improvvisarti trader, investitore, Warren Buffett. Dedicati a prodotti di facile comprensione, cercando di diversificare senza troppi sforzi, facendo attenzione a limitare i costi (acquisto/gestione). In questo caso, un ETF azionario globale/internazionale va benissimo (se vuoi la gestione attiva scegli un fondo con costi molto ridotti che segua la stessa logica di diversificazione) e considera una volta acquistato di tenerlo per molto molto tempo (almeno 10 anni). Fine, questo è tutto quello che devi fare. Non sarai Gordon Gekko ma l’importante è guadagnare!

CONSIGLIO N.2 (CONOSCENZA “MEDIO-ALTA”)

Se hai superato le basi, hai già un approccio “pratico” (non mi stancherò mai di dirlo, non bastano i libri, non bastano le teorie, non bastano i video, lo devi aver PROVATO, perchè sennò sono tutte chiacchiere) allora puoi adottare un approccio più attivo (non sempre, perchè ricordiamo che l’approccio passivo di comprare e tenere uno strumento a costi bassi sul lungo periodo paga sempre, come ho già spiegato in QUESTO ARTICOLO) per cercare di utilizzare una piccola parte del tuo portafoglio per operazioni più “specialistiche” (come ad esempio l’acquisto di uno o più titoli singolarmente).

E qui veniamo alle migliaia di “boiate” che sentiamo ogni giorno (soprattutto su Internet).

Non esistono guadagni facili, veloci, senza competenze…esiste CHE TI FAI UN CULO COSI’, studi, ci metti i soldi, perdi e guadagni, impari dagli errori, e migliori sempre di più.

Almeno questo è il metodo che conosco io..

Quindi torniamo a noi, personalmente ho sempre ritenuto la matematica qualcosa che negli investimenti debba aiutare ma che non debba essere necessariamente “ostica”, di conseguenza ho un debole per l’analisi fondamentale (lo studio dei bilanci di un’azienda e del relativo settore/mercato) supportato dall’analisi tecnica (e non viceversa, poi ci sono investitori che fanno il contrario ed ottengono comunque risultati, l’importante è che sia tu a trovare il TUO metodo più utile a farti guadagnare).

Questo metodo mi ha quasi sempre (ho perso soldi anche io, soprattutto agli esordi, sennò non sarei qui oggi a parlare di investimenti) dato grandi soddisfazioni, l’ultima (perchè qui racconto solo quello che faccio) in ordine di tempo è stata l’investimento su GIMA TT, che mi ha permesso di realizzare una performance (operazione chiusa il 29/03, vedi sotto) del 18.7% (lordo, 13.8% netto circa) nel giro di poche settimane. Questa però attenzione è stata un mix di analisi, bravura, e fortuna (ci vuole anche questa ogni tanto) e ti spiego perchè….

gima

Già prima pensavo di entrare in acquisto sul titolo, in quanto dalle mie analisi (che scoprirai nel prossimo articolo che farò, con un altro SUPER BONUS REGALO, ma solo per gli iscritti alla newsletter) ma dopo lo storno di metà marzo (vedi sotto il grafico preso da Tradingview) si è creato il punto di ingresso ottimale.

gimattttt2222.png

Questo perchè il “prezzo” che avevo attribuito all’azione (analizzando bilanci e situazione di mercato) oscillava tra i 7.2 e i 7.8 Euro ad azione, di conseguenza dopo il forte calo dello scorso anno (oltre il 60%) e l’ultimo calo forte di qualche settimana fa, il prezzo si è portato in zona 5.98, permettendomi di entrare ad un prezzo fantastico. La fortuna dove sta quindi? Semplice, il mio target di uscita era “vendi se il titolo sale oltre i 7.1 Euro”, quindi è successo esattamente ciò che avevo pianificato, con la differenza che mai più mi sarei aspettato un profitto così ampio in così breve tempo, quindi mi sono attenuto al mio piano ed ho portato a casa il guadagno.

Nel prossimo articolo ti spiegherò tutto, i ragionamenti, come, cosa e perchè, e ti darò come bonus il file excel che utilizzo per tutti i miei ragionamenti di questo tipo.

Questo ovviamente se sei registrato alla newsletter (lo puoi fare inserendo la tua mail nella sezione a destra della HOME).

Alla prossima!

Piano di accumulo: la guida che S-PAC-CA!

Dimmi la verità, quanti articoli hai letto, quanti video hai ascoltato, quante simulazioni hai fatto, in quanti gruppi Facebook sei entrato….per capire come cavolo funziona un PAC?

Libri, guru, corsi, seminari, gruppi, e niente, ancora non sei partito con il tuo PAC. Eppure hai delle entrate che ti arrivano tutti i mesi (stipendio, piccolo o grande che sia), l’affitto dell’appartamento che ti ha lasciato tua nonna, la paghetta di mamma e papà che tu “furbescamente” hai messo da parte, ma allora rispondimi (anzi rispondiTI) un attimo…PERCHE’ ANCORA NON HAI COMINCIATO A RISPARMIARE TUTTI I MESI?

Eh si perché devi sapere che noi possiamo chiamarlo PAC (piano di accumulo del capitale) possiamo chiamarlo PIP (piano individuale pensionistico), possiamo chiamarlo Topolino, Minni, Pluto, ma la sostanza non cambia! Sei ancora lì, ogni tanto riprendi in mano il discorso, hai qualche soldo da parte, rileggi l’ennesimo pippone dell’esperto di turno, ma alla fine NON LO FAI! Accidenti, e te credo che poi iniziare ad investire è difficile, è proprio INIZIARE la cosa più complicata, credimi!

Dopo (quando inizi ad investire tutti i mesi) diventa una droga, cominci a parlare solo di quello, ti senti un grande, un eletto, Superman! Eh si, tu INVESTI! (e gli altri sfigati no). Perché appena cominci, se lo fai nel modo giusto (ed ora ti dirò come) allora diventa un’abitudine, ma un’abitudine positiva! Funziona un po’ così…. Gli amici Ti guarderanno strano, perché magari ogni tanto per mettere da parte tutti i mesi quella cifra dovrai bere una birra in meno, dovrai consumare meno GIGA, dovrai fare un po’ più il barbone in vacanza….e poi “cavolo tutti i mesi metto via soldi ma sono ancora così pochi!” (eh, ci vuole tempo amico mio, TEMPO, il tuo migliore alleato).

E sai qual è la cosa grandissima? Che infine un giorno, quando ci arrivi, a mettere da parte un bel gruzzoletto (diciamo pure dai 5.000 Euro in su), accidenti ti girano le scatole se poi ti tocca tirarli fuori! Perché hai fatto tanto per risparmiarli…e quindi ne vuoi sempre di più…di più…di più. Eh si, perché adesso sei diventato un tipo fico, a te di avere risparmi per poche centinaia di Euro mette vergogna!

Quindi come si fa? Scopriamolo insieme…(scusa mi sono un po’ dilungato ma mi diverto troppo a parlare di soldi).

Dunque…andiamo per ordine e parliamo di COSE pratiche! (lo sai che mi piace parlare papale papale)

  • Domanda n.1: La scelta della cifra, quanto mettere via ogni mese?

Risposta al punto 1: ti stai facendo la domanda sbagliata! (immagino che nessuno te lo aveva mai detto)

  • Quindi riproviamo, domanda GIUSTA n. 1: Quale cifra voglio riuscire a mettere via ed in quanto tempo? EUREKA! QUESTA E’ LA DOMANDA… (la battuta è presa dal film “IO ROBOT”)…

Risposta alla domanda giusta n.1: perché vedi, una volta che sai l’obiettivo finale, scegliere la strada è più facile. Sono calcoli da prima elementare, ma se del resto l’investitore migliore del mondo (Buffett) ne è convinto lo devi essere anche tu. Quindi mettiamoci i numeri con un esempio…voglio 10.000 Euro in 3 anni!

UAO, sei ambizioso, considerato che guadagni uno stipendio da 1200 Euro al mese. Significa che in un anno (se prendi la tredicesima) sono 13.200 euro di guadagno netti, in 3 anni sono 39.600 Euro. Quindi mettere via 10.000 Euro in 3 anni significa circa 3300 Euro annui circa, che vuol dire risparmiare il 25% annuo del tuo reddito. Difficile? Impossibile? Dipende da TE! Prova a ragionare però mensilmente, su 1200 Euro vuol dire 300 Euro al mese, tutti i mesi!

Ora però fai molta attenzione, perchè prima tu mi hai detto che hai una tredicesima, quindi perché la devi considerare come lo stipendio normale? Considerala più un bonus, un extra, chiamala BABBO NATALE, e prova (invece di spenderla per l’ultimo smartphone) a metterla via interamente. Sai cosa significa? Facciamo i conti.

3300 Euro annui, se risparmio già la tredic….(BABBO NATALE scusa) di 1200 Euro…significa che dovrai risparmiare nei 12 mesi restanti solo 2.100 Euro annui (3300-1200), che vuol dire 175 Euro mensili…ovvero il 14,5% del tuo stipendio!

Già meglio non credi? Se mi dici che non riesci a risparmiare il 14,5% del tuo stipendio, amico mio sarò sincero, non sarai mai ricco, ma nemmeno benestante! Quindi puoi smettere di leggere questo post, perché potrai sapere tutto quello che vuoi, ma uno dei metodi per accumulare denaro è saper risparmiare (oltre che investire), è così!

Domanda n. 2, come faccio ad abituarmi a risparmiare questa somma tutti i mesi? (o meglio, come faccio a non spenderla?) adesso te lo dico io…devi farlo APPENA ricevi il tuo stipendio! Subito, non pensarci nemmeno a farlo “la settimana dopo”, o a fine mese, niet! Oggi ti è arrivato lo stipendio? OGGI metti via 175 Euro (massimo domani mattina va, te lo concedo).

Adesso però aumentiamo la profondità del ragionamento….tu non stai solo accantonando (quindi non prendi i soldi e li metti sotto il materasso)…stai  INVESTENDO! Ciò vuol dire che auspicabilmente verrà in tuo aiuto il fattore “interesse” (o rendimento).

Ti metto il link di un “simulatore” dove puoi perdere un’intera giornata con diverse simulazioni . Il primo esempio lo facciamo insieme: torniamo all’ipotesi vista sopra, 300 Euro al mese (tredic…BABBO NATALE incluso) per 36 mesi, ed ipotizziamo che il primo versamento (nei piani di accumulo può essere, a seconda del tipo di prodotto, di 1/3/6/12 mensilità solitamente) siano 3 mensilità, quindi  900 Euro.  Devi aggiungere il fattore rendimento, e qui inseriamo un nuovo parametro…

Non voglio farti come sempre i pipponi su “tasso risk free” eccetera eccetera (non ti serve). Quello che devi sapere, è che il tuo investimento devi compararlo (prudenzialmente) ad un tasso di riferimento che potrebbe essere ad esempio quello dei titoli di Stato di pari scadenza, quindi nel tuo caso potresti verificare quanto rendono OGGI i BTP (titoli di stato italiani) con scadenza residua 3 anni (2022 diciamo).

Dove lo puoi verificare? QUI . Ti basta ordinarli per “scadenza” (cliccaci sopra) e vedere appunto quelli 2022 quanto rendono (guarda la colonnina “rendimento netto” mi raccomando, NON la colonna Cedola netta, fuorviante). Nell’esempio nostro vediamo che il rendimento è circa 1,10%. Però tu sei uno BRAVO, e quindi sai benissimo che, ACCIDENTI! Mediamente l’inflazione è del 2% annuo, quindi dovrai puntare a qualcosina di più, perciò in un periodo come quello attuale consideriamo un 2,5% come riferimento prudenziale. Bene, ora che hai tutti i dati, possiamo inserirli nel simulatore.

Possiamo vedere che dopo 3 anni, considerate le ipotesi sopra, alla fine ci ritroveremo con 12.173,22 Euro. Bene, tutto qui? Assolutamente NO! E’ una simulazione, dobbiamo ancora fare tanti ragionamenti insieme. Ma tu intanto fai pratica con le simulazioni (prova durate diverse, tassi diversi, periodi diversi, sempre partendo dagli obiettivi sopra).

Mica posso tenerti qua tutto il giorno? Ne parliamo nel prossimo articolo dove entreremo nel dettaglio degli investimenti (tassi, prodotti, costi ecc)!

Alla prossima!!

Francesco